sabato 31 marzo 2012

Giveaway illegali... e l'italia continua a sprofondare nella merda!

Stasera ho aperto blogger e leggevo tranquillamente gli aggiornamenti dei blog che seguo, quando mi è saltato all'occhio una strana notizia.
Ho letto meglio e, sebbene non vorrei essere volgare, mi sono cadute le palle a terra!
Vi riporto qui il link del blog da cui ho letto la notizia:

In poche parole hanno messo una normativa sui giveaway, secondo la quale non si possono mettere in palio libri qui sui blog, a meno di non essere un impresa!
Quindi volete premiare chi vi ha seguito costantemente? NON potete farlo!
Vi è piaciuto tantissimo qualcosa, tanto da volerlo pubblicizzare in modo del tutto disinteressato? NON potete farlo!
Se il libro in questione è fornito direttamente da un'impresa, che vuol farsi un pò di pubblicità stando a contatto coi gli stessi lettori? NON potete farlo!
Se avete acquistato un libro e decidete di regalarlo? NON potete farle neanche questo!

E ora? Ora aspettiamo che ci vietino di acquistare i libri da regalare a Natale a parenti e amici, aspettiamo che vengano vietate le etichette sui vestiti, perchè, diciamocelo, non ci hanno ancora pensato questi balordi ma in realtà è pure quella una pubblicità.
Insomma aspettiamo di sprondare e sguazzare nella merda!

Vi posto qui infine un sito che sta raccogliendo firme: http://www.normativa-giveaway.org/tag/giveaway
Firmare non costa nulla, ma fa vedere che ci siamo e che non abbassiamo la testa a tutte le loro cagate dicendo "Si, padrone!"

giovedì 15 marzo 2012

"La bambina dei Sogni" di Carlo Menzinger... Scaricabile gratuitamente!!!

Giorni fa mi è stato chiesto di fare un pò di pubblicità ad un libro ed eccomi qui a scrivere.

L'autore è Carlo Menzinger, nasce a Roma nel 1964 e si laurea in Economia e Commercio.
Il suo hobby principale è da sempre la scrittura e ha scritto vari romanzi, racconti e poesie. Ama spaziare tra generi diversi, dalla fantascienza al romanzo storico, dal romanzo gotico, al thriller, andando però spesso fuori dai canoni di genere o mescolandoli tra loro.
Si è molto impegnato sul Web, e punta ad instaurare un rapporto più diretto tra autore e lettore, grazie anche a vari blog e alla nostra cara piattaforma di Anobii.
Per avere un'idea dei suoi precedenti romanzi, potete cliccare su questo link, I libri di Carlo Menzinger .


More about La bambina dei sogniInvece qui vi parlerò dell'ultimo romanzo, che si intola "La bambina dei sogni"


TRAMA
Paolo incontra sulla metropolitana una bambina di quattro anni, Elena, e sospetta che sia stata rapita.
Scopre poi che sua madre è morta da poco e la piccola vive ora in orfanatrofio. La bambina pare, stranamente, legarsi a lui e Paolo le si affeziona, al punto che decide di prenderla con sé, nonostante abbia già una figlia di sei anni, Laura.
Elena diventa sempre più presente nei sogni di Paolo e della sua famiglia, fino ad assumere un’inquietante corporeità.



L'autore dà la possibilità di scaricare gratuitamente il libro o di leggerlo on-line, senza alcuna violazione di coyright. Ed eccovi qui il link della pagina del suo blog, relativa a questo libro, dove troverete i link di download e altre varie informazioni:  La bambina dei sogni (download)


Piccolo commento: E' la prima volta che leggo qualcosa scritta da Carlo Menzinger e devo dire che la lettura mi ha preso molto. La storia  è davvero molto carina, la scrittura scorrevole. Però... il finale mi ha un pò troncato le gambe..
Sul finale si rimane dubbiosi: gli eventi precipitano addosso al protagonista, che non riesce a portare davvero a conclusione la storia... ma diciamo che tenta di mettere la parola "Fine" senza sapere neanche che fa... Su questo ci si può passare sopra, un finale che resta un pò misterioso può essere anche gradevole. Ma poi si arriva all'ultima frase del libro e leggi che quella conclusione durerà fino ad un certo punto... e lì allora ti danni! Vorresti capire com'è davvero finita, quali personaggi saranno nuovamente a sconvolgere la storia e cosa succederà. Ma, ahimè, non c'è un secondo libro in cui la storia continua! O almeno l'autore non ne ha accennato che io sappia. Purtroppo, si è capito, non sono un'amante dei finali aperti.

Comunque leggerò qualcos'altro dell'autore, se ne avrò l'occasione, credo che ne valga la pena.
Si è verificato un errore nel gadget