domenica 31 marzo 2013

Le guerre del Mondo Emerso

Più riguardo a Le guerre del mondo emerso


Trama: Dubhe è la ladra più giovane e abile di tutta la Terra del Sole quando la Gilda degli Assassini decide di farne una schiava pronta ad uccidere a comando. Ma nonostante la maledizione che si porta addosso, lei non diventerà un'assassina, diventerà una guerriera. Perché sono tempi di guerra quelli che attraversa il Mondo Emerso, quarant'anni dopo la sconfitta di Aster il Tiranno. Da una parte Dohor, Cavaliere di Drago e re della Terra del Sole, conduce senza pietà la sua conquista di tutte le Terre Emerse. Dall'altra, la Gilda degli Assassini è decisa a riportare in vita Aster e il suo  culto sanguinario. Mentre si profila una funesta alleanza tra loro, il Consiglio delle Acque è indebolito e impotente. Sole Dubhe sarà capace di prendere in mano il suo destino e quello dell'intero Mondo Emerso e di lottare fino all'ultima battaglia per la pace di un nuovo regno.

Mio commento: Un'altra bellissima trilogia regalataci dalla Troisi. Molto appassionante, l'ho praticamente divorata! Stavolta siamo alle prese con un'altro tipo di eroina, diversa da Nihal, ma non per questo meno affascinante. All'inizio è una ragazza perduta, che tira avanti facendo la ladra, pensando che questa sia la sua unica strada, l'unica possibilità per sopravvivere che le ha dato il destino. Ma la si vede crescere durante tutto il libro e cambiare, fino a trovare la propria strada e riempire il vuoto che sente dentro.
Ci sono anche molti altri personaggi a cui ci si affeziona, ad esempio Learco, il principe figlio di Dohor. Anch'egli tormentato dal proprio destino, che vede tracciato davanti a sé da tuo padre e che gli sembra ineluttabile...
Incontriamo poi ancora alcuni personaggi delle Cronache e scopriamo così come hanno passato la loro vita, quando finalmente la pace per cui avevano combattuto era arrivata. Come il mitico Ido, sempre pronto a combattere seppur ormai vecchio, che avrà anche in questa trilogia un importante ruolo.

Si è verificato un errore nel gadget